Comunicato Stampa: Mobilità Urbana

Libero accesso alle auto elettriche o ibride in ZTL e aree pedonali?

ARIBI esprime perplessità per il passaggio della Legge di Bilancio 2019 (art. 1, comma 103) che, integrando l’art. 7 comma 9 del Codice della Strada, prescrive il libero accesso alle ZTL e alle aree pedonali per i veicoli ad alimentazione elettrica o ibrida. Al di là delle valutazioni ambientali su tale provvedimento, lasciare via libera a tali mezzi non risolverebbe ma anzi aggraverebbe ulteriormente i già pesanti problemi di occupazione di spazi e di traffico congestionato e pericoloso di cui soffrono i centri storici; e, aprendo le aree pedonali anche al transito incondizionato di questi mezzi privati, rischia di creare situazioni paradossali in luoghi resi ormai da tempo disponibili alla sola fruizione di pedoni, ciclisti e mezzi pubblici, e in ogni caso di costituire un inatteso quanto incomprensibile arretramento nei progressi con cui si stanno via via restituendo spazi alla serena vivibilità che è tradizione storica delle nostre CITTÀ.

L’applicazione di questa legge a Bergamo sarebbe in aperta contraddizione con la naturale direzione che sta prendendo l’Europa più avanzata per valorizzare I propri centri storici: ovvero, limitare progressivamente l’ingresso dei mezzi privati a motore. Ribadendo che la soluzione corretta resta sempre e solo quella di puntare sulla mobilita` attiva (ovvero: a piedi, in bici, col trasporto pubblico), ARIBI chiede con forza all’amministrazione comunale di Bergamo di attivarsi al fine di evitare l’applicazione di queste disposizioni, e di lavorare nella giusta direzione per il miglioramento della vita cittadina.

Claudia Ratti 
Presidente Aribi

LEGGE DI BILANCIO 2019
(Legge 30 dicembre 2018, n. 145; art. 1, comma 103 – Pubblicata sulla GU Serie Generale n. 302 del 31-12-2018 – Suppl. Ordinario n. 62)

103. All’articolo 7 del Codice della Strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, dopo il comma 9 è inserito il seguente:
«9-bis. Nel delimitare le zone di cui al comma 9 i comuni consentono, in ogni caso, l’accesso libero a tali zone ai veicoli a propulsione elettrica o ibrida».

CODICE DELLA STRADA
(Decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni)

TITOLO I – DISPOSIZIONI GENERALI
(…)
Art. 7. Regolamentazione della circolazione nei centri abitati. 
(…)
9. I comuni, con deliberazione della giunta, provvedono a delimitare le aree pedonali e le zone a traffico limitato tenendo conto degli effetti del traffico sulla sicurezza della circolazione, sulla salute, sull’ordine pubblico, sul patrimonio ambientale e culturale e sul territorio. In caso di urgenza il provvedimento potrà essere adottato con ordinanza del sindaco, ancorché di modifica o integrazione della deliberazione della giunta.
Analogamente i comuni provvedono a delimitare altre zone di rilevanza urbanistica nelle quali sussistono esigenze particolari di traffico, di cui al secondo periodo del comma 8. I comuni possono subordinare l’ingresso o la circolazione dei veicoli a motore, all’interno delle zone a traffico limitato, anche al pagamento di una somma. Con direttiva emanata dall’Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale entro un anno dall’entrata in vigore del presente codice, sono individuate le tipologie dei comuni che possono avvalersi di tale facoltà, nonché le modalità di riscossione del pagamento e le categorie dei veicoli esentati.

ARIBI promuove un modello di città “possibile”, sempre più centrato sulle esigenze dei pedoni, dei ciclisti e degli utenti dei mezzi pubblici. Propone stili di vita sostenibili basati sull’utilizzo della bicicletta come mezzo abituale di trasporto e di svago e si impegna quotidianamente quale portavoce dei cittadini, per interloquire con l’Amministrazione Pubblica affinché prenda provvedimenti per favorirne e tutelarne l’uso. Conta CIRCA 320 iscritti, la maggior parte dei soci dichiara di iscriversi per ragioni ideali, per richiedere alle Istituzioni un maggiore impegno a favore della mobilità sostenibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA
Change the CAPTCHA code